Meringhe – Come fare ?

Per la rubrica “Come fare ?” oggi vi voglio parlare delle meringhe.
Io le adoro, ma ammetto di non prepararle frequentemente. Vi lascio alcuni semplici consigli per realizzare al meglio.
meringue-318570_960_720
MERINGHE – COME FARE ?

Per preparare delle meringhe perfette, è fondamentale il bilanciamento degli ingredienti: albumi e zucchero. Mai fare ad occhio o a cucchiai, perchè il prodotto che ne deriverà non sarà perfetto. Per non sbagliare è sufficiente ricordare che per meringhe perfette serve una parte di albumi ed il doppio di zucchero. Così se avremo 100 gr di albumi, sarà necessario utilizzare 200 gr di zucchero semolato; per 200 gr di albumi, 400 gr di zucchero, e così via.
L’ideale è montare il tutto in una planetaria, ma se non ce l’avete, con pazienza, utilizzate le fruste elettriche. Lo zucchero non va inserito subito, ma appena dopo che gli albumi iniziano a schiumare. Poi continuare a montare sino ad ottenere un composto lucido e compatto.
Per la porzionatura, l’ideale è la sac à poche, ma se non l’avete, utilizzate un sacchetto gelo normale, tagliando un angolo ed usandolo come fosse una tasca da pasticciere.
Anche per la cottura, dipende dal prodotto che volete ottenere: se avete fretta potete cuocere le meringhe in forno statico a 140° per circa 1 ora e mezza. Il risultato sarà di meringhe leggermente ambrate in superificie. Se avete tempo, forno a 80° per 2 ore e mezza, anche 3.

Polvere di agrumi – Come fare ?

Eccomi di nuovo con la rubrica “Come fare ?” con piccole idee e consigli per la cucina.
In questo periodo iniziano ad esserci arance, mandarini e clementine. Che profumo sprigionano… Non vi piacerebbe conservarne un pochino ? Ecco una piccola idea per voi.
agrumi
POLVERE DI AGRUMI – COME FARE ?

Innanzitutto bisogna utilizzare agrumi bio, o comunque la cui buccia sia edibile e non cerata. Lavarli per bene in acqua corrente. Sbucciarli utilizzando preferibilmente un pelapatate: questo piccolo attrezzo, infatti consente di evitare di togliere anche la parte bianca, la più amara. Se volete sbucciare gli agrumi normalmente, allora  con un coltellino affilato togliete la parte bianca successivamente. Prepareremo una profumata e saporita povere di agrumi. Mettere le bucce a seccare: potete usare il forno, oppure, chi lo volesse, anche il vecchio sistema del termosifone o della stufa. In forno serve una temperatura di 90° per circa due ore. La cosa importante è che le bucce siano ben secche. Non devono esserlo solo parzialmente, altrimenti potrebbero sviluppare muffa. Una volta ben seccate, passarle in un mixer e polverizzarle. Conservare la polvere di agrumi in un vasetto di vetro a chiusura ermetica precedentemente sterilizzato. Potete utilizzare la polvere di agrumi negli impasti delle torte, nelle creme, ecc…  Provatela anche nel tè… 🙂

La rubrica “Come fare ?” torna fra due settimane. Se avete richieste particolari, inviate una mail a: [email protected]

Bacche di vaniglia usate – come fare ?

Le bacche di vaniglia: profumate, dal sapore intenso, ma al contempo preziose e care. Come fare per sfruttarle appieno ?  Ecco alcuni semplici consigli.
bacche di vaniglia
BACCHE DI VANIGLIA USATE – COME FARE ?

Se per la ricetta di un dolce dovete utilizzare solo i semi contenuti nelle bacche di vaniglia, non abbiate paura di sprecare il baccello. Invece di gettarlo, come in tanti, ahimè, fanno, conservatelo avvolto nella pellicola alimentare in un luogo asciutto. Potrete riutilizzarlo in tantissimi modi.

– Uno di essi è usarlo in una successiva preparazione (ad esempio budino, torta) mettendolo nel latte da scaldare previsto nella ricetta. Il baccello lascerà un profumo ed un sapore delizioso.

– Oppure potete farlo seccare per circa un’ora in forno a 140 gradi, e poi tritarlo finemente in un mixer. Otterrete una polvere di vaniglia, ottima per insaporire tutti i vostri dolci. Da conservare in un vasetto ermetico.

– Infine, potete inserire la bacca priva di semi in un vaso contenente zucchero: tempo una quindicina di giorni, avrete un ottimo zucchero vanigliato

Conservare il passato di verdura. Come fare ?

Quella di oggi è un’idea per chi ha poco tempo per cucinare, ma vuole mangiare in maniera sana, senza dover acquistare scorte di cibo surgelato al supermercato.
Io adoro il passato di verdura e solitamente ne preparo un po’ di più per mangiarlo anche il giorno seguente. Ma chi volesse tenerlo per più giorni ?
Come fare per mantenerlo ?

passato di verdura

L’idea è semplice ed è utilizzata già dai produttori industriali, solo che preparandolo in casa, si può scegliere la verdura con la quale fare il passato (mista, oppure solo alcune in particolare). Nulla di difficile: basterà preparare il passato di verdura, farlo raffreddare e metterlo a congelare nei contenitori per i cubetti del ghiaccio. Una volta ottenuti i cubetti, sarà sufficiente trasferirli in un sacchetto gelo, chiuderlo per bene e metterlo in congelatore. Quando si vorrà gustare un passato di verdura, si dovrà soltanto prendere un numero di cubetti sufficienti per le porzioni desiderate, metterli in padella per scongelarli e cuocerli per pochi minuti.  Se il passato dovesse risultare troppo denso, aggiungervi uno o due cucchiai di acqua prima dello scongelamento in padella. Se volete, inoltre, potete portare ad ebollizione ed aggiungervi pasta o riso a piacere. Facile e veloce idea per conservare il passato di verdura.

La rubrica “Come fare ?” torna fra quindici giorni. Se avete richieste particolari per il prossimi appuntamenti con “Come fare ?”, scrivete a [email protected]