Pesto di rucola veloce – Come fare ?

Stanchi della solita pasta ? Oggi per la rubrica “Come fare?” vi propongo un pesto di rucola veloce, che darà un tocco diverso ai vostri piatti. Ottimo con la pasta, ma anche con il riso, il pesto di rucola veloce può essere usato anche sulla pizza,  per alcune bruschette o quale condimento da aggiungere, ad esempio a torte salate.

rucola
PESTO DI RUCOLA VELOCE. COME FARE ?

In un piccolo mixer (va benissimo quello che ormi si trova quale accessorio di quelli ad immersione) mettere due manciate di rucola precedentemente lavata e asciugata e tre cucchiai di olio evo. Frullare per un poco, quindi aggiungervi due cucchiai di parmigiano o grana grattugiato ed una decina di mandorle spellate tostate. Frullare ancora. Se il composto dovesse essere troppo compatto aggiungere ancora un cucchiaio d’olio ed uno di acqua: quest’ultima consentirà di amalgamare al meglio il tutto. Continuare a frullare: si deve ottenere una crema nè troppo liquida nè troppo densa. Salare e condire a piacere la pasta (ottimo anche con il riso).

La rubrica “Come fare ?” va momentaneamente in vacanza. Torna a settembre con tanti altri consigli. Se avete suggerimenti, scrivete a: [email protected]

Zucchero aromatizzato. Come fare ?

Nuove idee facili e veloci nella rubrica “Come fare ?”. Dopo l’aceto, l’olio ed il sale aromatizzato, poteva mancare lo zucchero ? Proprio no. Eccovi quindi alcuni suggerimenti per avere in casa zucchero di diverso sapore con il quale aromatizzare le vostr bevande e i vostri dolci con un tocco in più.

ZUCCHERO AROMATIZZATO. COME FARE ?
sugar-485045_960_720
Il mio consiglio principale è quello di non prepararne in quantità esagerata, a meno ch non dobbiate usarlo specificatamente peer qualche preparazione. In genere io uso 150, al mssimo 200 gr di zucchero. Lo metto in un vasetto che per mia sicurezza ho precedentemente sterilizzato.
Per preparare lo zucchero aromatizzato alla vaniglia, il più facile, basta inserire i semini ricvati da un baccello nello zucchero. Per avere maggior intensità della vaniglia, utilizzare anche il baccello. Tenere chiuso il vasetto per una settimana prima di utilizzarlo, agitandolo ogni tanto.
Vi piacciono limone, arancia, ecc…? Che ne dite di uno zucchero aromatizzato agli agrumi ? Potete scegliere il vostro agrume preferito: limone, arancia, mandarino, lime… Con un pelapatate togliere la buccia all’agrume prescelto (volendo potete anche utilizzare più di uno insieme), avendo cura di non utilizzare la parte bianca.  Far essiccare al forno per circa 1h a 60 gradi. Una volta fredde le bucce, frullarle sino ad ottenere una polvere che metterete in un vasetto con lo zucchero. Per evitare che l’aroma sia troppo forte, non utilizzare più di un cucchiaino raso di polvere di agrumi essiccati.
Un altro sapore che a me piace molto è quello della cannella e così, fare lo zucchero aromatizzato alla cannella è stato ovvio. Come sempre, mettete nel vasetto la quantità di zucchero che avete deciso di preparare: su 150 gr, mettete mezzo cucchiaino, ma se volete un gusto più intenso potete anche aumentare la quantità. Vi sono piaciute queste idee ? Spero di sì. Appuntamento con “Come fare ?” fra quindici giorni. Se volete qualhe suggerimento in particolare, scrivetemi a [email protected]

Sale aromatizzato. Come fare ?

Dopo l’aceto e l’olio aromatizzato, nella rubrica “Come fare ?” potevano mancare idee per aromatizzare il sale ? Certo che no. In commercio esistono vari tipi di sale e tantissimi insaporitori, ma volete mettere la soddisfazione di realizzarlo in casa e, soprattutto, con una spesa esigua ? E’ possibile farlo in tantissimi modi, io ve ne suggerisco aluni, ma voi date pure spazio alla vostra fantasia.
sale
Per realizzare il sale al rosmarino i sono due sistemi: il primo prevede di utilizzare sale grosso e metterlo in un vasetto di vetro precedentemente sterilizzato e di inserirvi aluni rametti di rosmarino spezzettati grossolanamente. L’altro sistema, invece, consiste nel mettere il sale su una teglia con il rosmarino ed infornare a 160° per circa un’ora. Conservare poi in un vaso di vetro, sempre sterilizzato

Sale al timo: far riscaldare in una padella 500 gr di sale con alcuni rametti di timo fresco, sino a che diventi completamente caldo. Far quindi raffreddare e versare, con altri rametti di timo in un vasetto di vetro sterlizzato.

Sale al limone: prendere un limone bio e levare la scorza facendo attenzione ad eliminare la parte bianca. Anche in questo caso, mettere 500 gr di sale (fino o grosso a vostro piacere) in una padella, far scaldare il tutto insieme alle scorze di limone. Conservare anche in questo caso in un vasetto sterilizzato.

La rubrica “Come fare ?” torna fra due settimane con altri piccoli consigli 🙂

Olio aromatizzato: come fare ?

Dopo aver parlato, la volta scorsa, dell’aceto aromatizzato, per questo nuovo appuntamento con “Come fare ?”, non potevo non dare qualche piccolo suggerimento per preparare l’olio aromatizzato. Utile in cucina per condire insalate ed i piatti che preferite, per conferire loro un gusto particolare. Ecco quindi alcune idee con l’ultilizzo dell’olio a freddo. E voi, come lo preparate l’olio aromatizzato ?

OLIO AROMATIZZATO: COME FARE ?
olio aromatizzato
Innanzitutto, qualunque tipo di olio vogliate preparare, dovete prima di tutto sterilizzare per bene i contenitori nei quali lo metterete. Io vi consiglio dei vasetti, che sono più comodi. Quindi, metterli a bollire con i coperchi a parte, in acqua. Dal momento della bollitura, io per sicurezza faccio passare anche 15 minuti. Con una pinza, toglierli dall’acqua e metterli capovolti su un telo da cucina pulito sino a completo raffreddamento.

Ed ora, vediamo come preparare tre gustosi olii aromatizzati: al rosmarino, al peperoncino e all’aglio. Per preparare l’olio aromatizzato al rosmarino, lavare bene i rametti e asciugarli con cura. Metterli in un vasetto e versarvi sopra 500 ml di olio evo. Chiudere bene il vasetto e conservarlo in un luogo asciutto e lontano dalla luce per circa due settimane.
Per quello al peperoncino, mettere due o tre peperoncini secchi nel vasetto, versarci sempre 500 ml di olio evo e conservare con le stesse modalità per due settimane.
Infine, il classico olio all’aglio: sbucciare due o tre spicchi (dipende da quanta intensità volete dare), schiachiateli leggermente e metteteli nel vasetto e coprire con 500 ml di olio evo. Anche in questo caso valgono le regole di conservazione precedenti. Si può utilizzare dopo due settimane. Una volta iniziata l’utilizzazione di questi olii è bene consumarli entro e non oltre un mese e mezzo. La rubrica “Come fare ?” torna fra quindici giorni.