Anno Internazionale dei Legumi

Eccomi di ritorno dopo un periodo di pausa durante le Feste Natalizie.  Buon 2016 a tutti voi, amici di Bacche di Vaniglia. Oggi, vi parlo di un’iniziativa dell’Onu e della Fao proprio per quest’anno: il 2016 infatti, è l’Anno Internazionale dei Legumi

anno internazionale legumiL’Onu ha deciso che il 2016 sarà l’anno internazionale dei legumi. Spetterà poi alla Fao, avviare iniziative nei prossimi mesi per far conoscere le proprietà nutrizionali di questi preziosi alimenti. I legumi in genere, infati, contngono molti aminoacidi  e proteine, sono ricchi di fibre e poveri di grassi. Sono considerati importanti anche nell’ambito di una sana alimentazione in quanto in grado di combattere diabete, obesità ed altre malattie.

E’ stato quindi realizzato un sito ad hoc che trovate qui: http://www.fao.org/pulses-2016/en/ . Numerosi gli eventi in programma in tutto il mondo, a partire dal congresso che si svolgerà a Jaipur, in India a febbraio, passando per la conferenza PanAfricana e Mondiale in Zambia. E poi, eventi in Costa Rica, Russia, Turchia (dove a Izmir, dal 1 al 31 maggio ci sarà la conferenz mondiale sui legumi), Francia e Australia.

Obiettivo è quello di far comprendere come i legumi debbano entrare in un dieta equilibrata, come, d’altronde era abitudine fare solo fino ad alcune decine di anni fa.
I messaggi chiave della Fao sono: i legumi sono molto nutrienti, sono economicamente accessibili e contribuiscono alla sicurezza alimentare ad ogni livello, hanno importanti benfici sulla salute, promuovono la biodiversità ed incoraggiano l’agricoltura sostenibile.

Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2015

Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. E quale  palcoscenico migliore, se non Expo 2015, per celebrare al meglio il 70° anniversario di istituzione della Fao ? All’Esposizione Universale, infatti, alla cerimonia di apertura ufficiale, erano presenti, fa gli altri, i il Segretario genrale dell’Onu Ban Ki-Moon, il direttore generale della Fao Josè Gratiano Da Silva, il presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella

La giornata odierna è stata dedicata al tema “Protezione sociale e agricoltura per spezzare il ciclo della povertà rurale”. Obiettivo: inviare un messaggio importante ai giovani, quelli della cosiddetta Generazione Fame Zero, per il loro coinvolgimento in questa sfida che si prefigge di eliminare fame e povertà entro il 2030.cibo  L’occasione è servita per presentare a Ban Ki-Moon la Carta di Milano e lo Urban Food Policy Pact. Ban Ki Moon, nel corso dl suo intervento ha sottolineato come da 15 anni il numero di persone denutrite si sia dimezzato, ma che altri 800 milioni continuino a patire la fame.

Lo spreco di cibo, è, purtroppo ancor un fenomeno radicato, specialmente nei paesi più industrializzati. Alcuni dati recenti, infatti sottolineano come in Europa vengano sprecati ogni anno 100 milioni di tonnellate di alimenti, oltre 100 kg a persona.

Collaborazione Fao-Eataly

Presto sugli scaffali italiani e non solo, ci saranno prodotti provenienti da una cooperativa etiope tutta al femminile: il tutto, grazie ad una partnrship fra la Fao ed Eataly. L’obiettivo dell’accordo, siglato ormai due anni fa, è quello di contribuire ad aiutare i piccoli agricoltori presenti nelle zone depresse del mondo, aiutandoli ad aumentare la produzione e a raggiungere nuovi clienti. fichi d'india
La cooperativa è composta da cinque donne, che peparano succhi di frutta, marmellate e biscotti. L’aiuto è stato dato per aumentare la produzione di marmellata di fichi d’india da portare in Europa. Al momento, la piccola cooperativa in rosa ha prodotto, come comunicato dalla stessa Fao, circa 4 mila barattoli di marmellata, seguendo gli standard di sicurezza alimentare non solo etiopi, ma anche europei. Le giovani sono state affiancate ed hanno seguito appositi corsi di fomazione. Nella prima fase sono state in grado di preparare 200 vasetti di marmellata al giorno.

A breve la marmellata sarà trasferita in Italia dove saranno poi messe in vendita al costo, presunto, di 3,50 euro. La partnership fra la Fao ed Eataly sta coinvolgendo ed aiutando anche altri piccoli produttori di altri paesi.

Conferenza Internazionale sulla Nutrizione

 
Si è aperta oggi a Roma la seconda Conferenza Internazionale sulla Nutrizione, oganizzata dalla Fao e dall’Oms,  alla quale prendono parte oltre 170 paesi. I rappresentanti degli stessi hanno concordato per attivare una serie di impegni concreti, adottando al contempo raccomandazioni sulle politiche e gli investimenti, per fare in modo di garantire che tutti, senza esclusioni, abbiano accesso a diete più sane e sostenibili.
grano
E’ stata adottata la Dichiarazione di Roma sulla Nutrizione: prevede il diritto di tutte le persone ad avere accesso ad un’alimentazione sicura, sufficiente e nutritiva. La Dichiarazione, inoltre, impegna i governi a prevenire la malnutrizione in tutte le sue forme.

Le raccomandazioni, invece, sono inserite in un Quado Operativo, che riconosce ai governi il ruolo, ma soprattutto, la responsabilità, di affrontare i problemi e le sfide della nutrizione, dialogando con la società civile, il settore privato  le comunità colpite. Sono delineate 60 azioni raccomandate che i governi dovrebbero inserire nei piani nazionali di politiche legate alla nutrizione, alla sanità, all’agricoltura, all’istruzione, allo sviluppo ed agli investimenti.

Sia la Dichiarazione dhe il Quadro, sono il risultato finale di oltre un anno di negoziati fra i rappresentanti degli stati membri e Fao ed Oms. E’ stato riconosciuto che, nonostante alcuni passi avanti, rispetto alla prima Conferenza, svoltasi nel 1992, i progressi nella lotta contro la malnutrizione siano stati insufficienti.

Da Roma, inoltre, è giunto l’auspicio che anche l’Assemblea Generale dell’Onu possa adottare la Dichiarazione di Roma ed il Quadro Operativo, dichiarando il decennio 2016-2025 di Azione sulla Nutrizione.