Creme di Natale

Oggi vi propongo cinque facili idee per rendere ancora più goloso il panettone o il pandoro
Sulla tavola di Natale non possono mancare il panettone e/o il pandoro. Per renderlo ancora più goloso però, si può ricorrere ad alcune creme facili da realizzare e che possono soddisfare tutti, che si possono preparare con largo anticipo. Ecco i miei consigli per le creme di Natale.panettone

Crema al cioccolato e nocciola: è sufficiente prendere 250 gr di mascarpone e mescolarlo con due cucchiai abbondanti di crema spalmabile al cacao e nocciola. Se notate la crema troppo dura, aggiungete un cucciaio di latte e stemperate il tutto, sino ad ottenere l consistenza desiderata. Se volete rendere ancora più goloso il vostro panettone, potte aggiungervi, a piacere, anche una manciata di granella di nocciole

Crema allo yogurt e arancia: mettere il contenuto di una confezione di yogurt greco bianco in una ciotola, aggiungervi un cucchiaio di zucchero a velo (non vaniglinato) e mescolare per bene. Aggiungervi quindi tre cucchiai di succo di un’arancia bio e un cucchiaino di zeste di arancia grattugiate.

Crema al mascarpone e rhum: in una ciotola a bagnomaria mescolare con una frusta un uovo intero e un cucchiaio abbondante di zucchero. Continuare a frustare con la pentola del bagnomaria a fiamma bassa per almeno dieci minuti, senza stracciare l’uovo. Aggiungervi due cucchiai di rhum, continuando a mescolare. Infine, fuori dal fuoco, mescolare con 250 gr di mascarpone.

Crema al limone: mettere a scaldare (senza far bollire) 350 ml di latte, con la buccia di mezzo limone. Una volta ben caldo, filtrare. In una ciotola a parte, mescolare 2 cucchiai di amido di mais, con un uovo, e due cucchiai di zucchero. Aggiungervi il succo di mezzo limone. Infine, aggiungere il latte e riportare a bollore. Potete decorare le fette di panettone con la crema al limone e qualche chicco di melograno.

Crema ai lamponi: ancora più semplice da fare. Montare 250 ml di panna fresca con un cucchiaio abbondante di zucchero a velo. A parte, far cuocere i lamponi con un una spolverata di zucchero semolato e poche gocce di zucchero. Una volta cotti, frullarli e setacciare. Mescolare delicatamente la salsa ottenuta alla panna montata.

E le creme di Natale sono pronte per essere messe in tavola. Avete già scelto la vostra preferita ?

Un croissant a Parigi

Chi è stato a Parigi, sicuramente ha gustato alcune delle prelibatezze della pasticceria e boulangerie francese. un vero trionfo di dolcezza. Con alcune accortezze, alcune di queste golosità possono essere preparate anche a casa.

Un croissant a Parigi

Questo libro, “Un croissant a Parigi” propone alcune delle golosità di cui ho parlato poco sopra. Preparatevi perchè le ricette sono un vero tripudio di burro e zucchero, ma, altrimenti, che gusto parigino sarebbe ?  E così, fra le pagine di questo volumetto davvero delizioso, si scoprono meravigliose ricette di sfoglia, pain au chocolat, brioches, croissants…Un croissant a Parigi
La vera patisserie francese non avrà più alcun segreto, dopo aver letto “Un croissant a Parigi”. Il libro si suddivide in capitoli dedicati alle basi, alle viennoiserie, alle brioches, alle golosità, ai pani. Troviamo, fra le altre cose,  una fantastica ricetta per la pasta da croissant, quella per la brioche (non fatevi sentire da un francese dire che sono la stessa cosa !), il pain au chocolat, i croissant normali e alle mandorle, fagottini di vario tipo (frutta, cioccolato…), il mio adorato pain aux raisins, rotoli vari, suisses, sacrestani, choquette, brioches, pain au lait, sfoglie varie, pane alle noci a tanto altro.

Vi è venuta, anche solo un pochino di fame ?
“Lettura golose”, dopo “Un croissant a Parigi” torna fra quindici giorni con un altro libro a sorpresa.

Scheda:
Un croissant a Parigi – Keda Black
Collana Piccoli Spuntini
Guido Tommasi Editore