Un marchio per i produttori di latte del Grana Padano

Novità in vista per i produttori di Grana Padano: il Consorzio di Tutela di questo prestigioso prodotto Dop, ha ideato il marchio “Il nostro latte” che consentirà ai produttori aderenti al progetto, di far conoscere al consumatore le aree di produzione del latte utlizzato per il Grana Padano. Il marchio rappresenta l’Italia, suddivisa per regioni, su sfondo giallo: le zone di provenienza del latte saranno indicate in nero. Obiettivo dichiarato è quello di dare ancora più valore alla qualità del Grana Padano, fornendo ai consumatori informazioni utili per conoscere ancora di più il prodotto. Con questo marchio, inoltre si vuole combattere la falsficazione del Grana Padano, frequentemente individuata sia all’estero che sul mercato italiano.
Ogni anno nel mondo si consumano oltre 4 milioni e 850 mila forme di Grana Padano.

Parmigiano e Grana: falsi superano gli originali

La produzione delle imitazioni di formaggi prestigiosi quali il Parmigiano Reggiano ed il Grana Padano, lo scorso anno ha superato addirittura quella ufficiale made in Italy.

Lo ha denunciato Coldiretti questa mattina a Bologna, dove è stato organizzato un evento dal titolo “Il popolo del parmigiano”. Coldiretti ha infatti presentato un dossier, nel quale ha indicato come nel 2014 la produzione made in Italy di questi formaggi sia stata di 295 milioni di chili, a fronte di una produzione superiore ai 300 milioni di chili delle imitazioni.

Per la maggior parte i “falsi” sono prodotti negli Usa (dove esiste anche un kit per la produzione in casa che ha vinto un premio). Ma non mancano contraffazioni anche in Europa, spcialmente nei paesi dell’Est ed in Russia. parmigiano reggiano Un problema, questo, per i produttori, che si somma a quello legato all’incredibile diminuzione dei compensi. Sono infatti inferiori ai costi di produzione, e per questo motivo la sopravvivenza di mole stalle è a rischio.  Coldiretti sottolinea che lo scorso anno il prezzo pagato ai produttori di Parmigiano Reggiano è sceso del 20% rispetto al 2013, mentre per i consumatori il calo all’acquisto è stato solo del 4 %.

Per questa iniziativa speciale + stato creato l’hashtag #ParmigiAmo

Foto tratta dal sito del Consorzio del Parmigiano Reggiano