Sweety of Milano e FoodTruck Festival

Arriva un altro fine settimana, e come abitudine vi segnalo alcuni eventi golosi. A Milano ci sarà Sweety of Milano, dedicato alla pasticceria, e anche un evento dedicato al cibo di strada.
Se avete eventi da segnalare, inviate una mail a [email protected]

– Appassionati di dolci, non potete mancare all’edizione 2016 di Sweety of Milano: domani, sabato 17, e domenica 18 settembre, al Palazzo delle Stelline del capoluogo lombardo, sarà di scena la grande pasticceria. I più importanti maestri pasticceri italiani saranno presenti con i propri prodotti, con masterclass ed incontri con il pubblico.

Logo dal sito ufficiale della manifestazione

Logo dal sito ufficiale della manifestazione

Fra i numerosissimi nomi presenti, segnaliamo Luigi Biasetto, Denis Buosi, Davide Comaschi, Antonio Daloiso, Gino Fabbri, Salvatore De Riso, Ernst Knam, Luca Montersino, Iginio Massari, Giancarlo Perbellini, Roberto Rinaldini, Maurizio Santin, Alessandro Servida…
L’evento ha il patrocinio di Accademia Maestri Pasticceri Italiani, Apci, Viaggiatore Gourmet.  Nella giornata di sabato, inoltre, si svolgerà il “Panettone Day”, concorso per premiare i migliori panettoni artigianali: i vincitori saranno scelti fra i 20 migliori panettoni tradizionali ed i 5 migliori panettoni creativi dolci. Programma dettagliato e info su http://sweety.italiangourmet.it/

– Per gli amanti del cibo di strada, invece al CarroPonte di Sesto San Giovanni, si  apre oggi l’edizione 2016 del FoodTruck Festival. Sino a domenica saranno presenti i migliori esponenti dello street food italiano, birre artigianali, vini naturali e tanto altro. Info su www.streeatfoodtruckfestival.com

Chiffon cake al limone senza glutine

Un dolce soffice, leggero come una piuma, al gusto di limone. Per questo giorno di festa, vi propongo una deliziosa chiffon cake al limone senza glutine: pochi e semplici ingredienti per un dolce che vi stupirà.

CHIFFON CAKE AL LIMONE SENZA GLUTINE

Ingredienti:
145 gr farina per dolci senza glutine *
120 gr zucchero semolato
3 uova
mezza bustina di lievito per dolci *
60 ml succo di limone
60 ml acqua
60 ml olio di semi di girasole
4 gr di cremor tartaro
la scorza grattugiata di un limone bio
zucchero a velo qb *
Chiffon cake al limone senza glutine
Preparazione: dividere i tuorli dagli albumi e metterli in due diverse ciotole. Con una frusta elettrica montare a neve gli albumi ai quali avrete aggiunto il cremor tartaro. Per chi non sapesse di cosa si tratta, vi dico che è un lievito naturale, prodotto dalla fermentazione dell’uva: si trova facilmente nei supermercati o accanto al lievito per dolci, o nella zona in cui si trovano le codette, i canditi, ecc… Un volta ben montati gli albumi, tenerli d parte. Nella ciotola in cui si trovano i tuorli, aggiungere lo zucchero semolato e montare bene il tutto sempre con la frusta elettrica. Quindi setacciare la farina con il lievito ed aggiungerli alle uova, insieme all’acqua, all’olio ed al succo di limone. Frullare per bene amalgamando il tutto. Quindi, aggiungere la scorza grattugiata di un limone bio ed incorporarlo al composto. Infine, incorporare gli albumi montati a neve ed avrete l’impasto della vostra chiffon cake al limone senza glutine. Versare in una tortiera ed infornare a 170° per 50/55 minuti in modalità statica.
Verificare sempre la cottura con uno stecchino. Nota: l’impasto vi risulterà piuttosto liquido, non vi dovete preoccupare perchè deve essere così. Una volta tolta dal forno, far raffreddare per bene la torta, prima di toglierla dallo stampo. Spolverizzare di zucchero a velo prima di servirla.Tradizionalmente la chiffon cake necessiterebbe di uno stampo apposito dotato di piedini ed un buco al centro, per farla raffreddare capovolta. Io l’ho preparata più volte in stampi normali (alluminio e silicone) ed il risultato è sempre stato ottimale. Togliendo il limone agli ingredienti, si ha una torta base da aromatizzare come preferite: vaniglia, arancia, anice, ecc…

* verificare che per questi prodotti ci sia la dicitura “senza glutine”, il marchio Spiga Barrata o siano presenti nel Prontuario Aic.

Muffins zucca e cannella senza glutine

Era da qualche tempo che volevo realizzare un dolce con zucca e cannella, ma per un motivo e l’altro ho sempre rimandato. Questa volta condivido con voi l’esperimento realizzato con i muffins di zucca e cannella senza glutine: una ricetta poco elaborata, ma dal risultato delizioso, se amate questi sapori.

MUFFINS ZUCCA E CANNELLA SENZA GLUTINE

Ingredienti:

200 gr zucca già cotta (preferibilmente a vapore)
100 gr farina per dolci senza glutine *
100 gr farina di riso *
2 uova
100 ml olio di semi di girasole
50 ml acqua
80 gr zucchero semolato
2 cucchiaini di lievito x dolci senza glutine *
1 cucchiaino abbondante di cannella

muffins zucca e cannella senza glutinePreparazione: Per realizzare i muffins zucca e cannella senza glutine, setacciare le farine, lo zucchero, il lievito e la cannella in una ciotola. A parte sbattere le uova, ed aggiungervi acqua ed olio. In un’altra ciotola ridurre la zucca in purea, aggiungervi le farine con zucchero, lievito e cannella. Iniziare a mescolare. Infine, versare i liquidi (il composto di uova, acqua e olio),  amalgamando per bene. Con un cucchiaio, o con uno spallinatore per gelato, versare il composto nella teglia per muffin in cui avete precedentemente collocato i pirottini di carta. Cuocere a 170° per almeno 25/30 minuti. Vale sempre il controllo da effttuarsi con uno stecchino. Una volta cotti, sfornare i muffins zucca e cannella senza glutine e collocarli su una gratella per farli raffreddare.

* questi prodotti devono possedere il marchio Spiga Barrata, essere presenti nel Prontuario Aic o avere la dicitura “senza glutine”

La scienza della pasticceria

Con un giorno di ritardo, rispetto al previsto, torna la rubrica quindicinale “Letture golose”.
Questa volta vi parlo di un libro davvero interessante, per il quale devo ringraziare un amico che me l’ha regalato. Sapete che la pasticceria è un po’ anche chimica, vero ? Beh, questo libro, da molti punti di vista, è davvero illuminante.

LA SCIENZA DELLA PASTICCERIA – Dario Bressanini

Il libro si suddivide in cinque capitoli fondamentali: zucchero e zuccheri; uova; latte, panna e buro; farina; aria e altri gas. Se per i primi quattro, possiamo dire, tutto nella norma, perlomeno per quanto riguarda gli ingredienti base della pasticceria, già l’ultimo capitolo incuriosisce. Ma prima di arrivare lì, le pagine hanno altre chicche !La scienza della pasticceria

Ogni capitolo, infatti, è pieno di curiosità e sorprese. Il tutto, sottolineo, spiegato in maniera chiara e precisa. Lo sapevate, d esempio che gli zuccheri “maillardizzano”  (ossia  “producono una serie di composti aromatici e  gustosi di colore scuro, che si innesca solo  a temperature supriori a 140°) ? Per le uova, l’autore insegna a classificarle, a conoscere le funzioni, le carattteristiche, oltre a sfatare il mito del sale per far montare meglio gli albumi. Il capitolo su latte, panna e burro, invece, fra le tante cose, sottolinea come il burro blocchi la formazione dl glutine. E proprio di glutine e celiachia, ma non solo, si parla nel capitolo dedicato alla farina.  Il gas di cui si parlava all’inizio, è, invece quello della lievitazione. L’autore descrive, fra le altre cose, la classificazione degli agenti lievitanti, cosa accade ad una bolla di gas in un impasto e come conoscere il lievito.  Non mi dilungo di più, per non svelare tutto quanto.
Dimenticavo, ogni capitolo, propone alcune ricette ad hoc. Un libro davvero interessante “La scienza della pasticceria”. Ve lo consiglio per la vostra speciale biblioteca golosa !

Scheda: La scienza della pasticceria – Dario Bressanini
ed: Gribaudo