Pizzoccheri e riso per il week-end goloso

Nuovi e golosi appuntamenti enogastronomici sono previsti per questo primo fine settimana di settembre in giro per l’Italia. Come sempre, ve ne segnaliamo alcuni che ci sono stati segnalati all’indirizzo mail [email protected] Se volete segnalarci prossimi eventi, mandate pure una mail. Questa volta segnaliamo pizzoccheri e riso per il week-end goloso.

Pizzocchero d'Oro Teglio Il via ufficiale sarà dato domani, sabato 3 settembre: stiamo parlando dell’edizione 2016 del “Pizzocchero d’Oro”, la rassegna gastronomica che a Teglio, in provincia di Sondrio, per dodici fine settimana consecutivi, presenterà i golosi piatti della tradizione valtellinese.
Undici ristoranti proporranno i pizzoccheri preparati seguendo l’antica ricetta dell’Accademia del Pizzochero di Teglio. Oltre alla gastronomia, il programma della manifestazione, prevede anche un lunga serie di eventi a corollario. Domenica, 4 settembre, inoltre, si svolgerà la rievocazione storica “Tutti pazzi per Orlando”, ambientata nella Teglio del 1542. Tutte le informazioni dettagliate sulla manifestazione sono disponibili sul sito www.saporidautunnoteglio.it

–  E sempre domenica, 4 settembre, si apre l’edizione 2016 di ExpoRice. Si tratta di un evento organizzato dall’Atl della Provincia di Novara in collaborazione con la locale Camera di Commercio. L’evento, alla sua quarta edizione, propone una novità: quest’anno  ExpoRice sarà itinerante. Sino al 16 ottobre, sono previsti numerosi eventi (laboratori, visite guidate, gite in bicicletta, degustazioni, spettacoli, showooking e molto altro) nei principali centri della Bassa Novarese, aventi quale tema prinipale il riso. Si inizia, come detto, domenica, a Vespolate, presso la Cascina Fornace con la festa del riso Artiglio. Previste visite guidate in azienda per conoscere il cibo e la trasformazione del vino. Il programma completo è sul sito www.turismonovara.it

Golosi fine settimana

Se siete ancora in ferie, o comunque volete passare golosi fine settimana all’insegna della golosità, torno a segnalarvi alcuni eventi in programma in questi giorni e prossimamente.

– A Baveno, sul Lago Maggiore, da domani, venerdì 19 agosto, prende il via l’edizione 2016 di “Sapori di lago”. L’iniziativa, alla sua undicesima edizione, organizzata dall’Associazione Cuochi Alto e Basso Novarese e Vco, propone specialità con i pesci dei laghi ed una rassegna di ricette tradizionali.  La manifestazione si svolge il 19, 20 e 21 e 26, 27 e 38 agosto

Teglio Il prossimo 3 settembre a Teglio, in Valtellina, prende il via una strepitosa rassegna che per ben dodici fine settimana, metterà in vetrina la cucina locale, dal titolo “Pizzocchero d’Oro e Sapori d’Autunno”.  Ben undici ristoranti della zona, oltre ai tradizionali pizzoccheri realizzati secondo l’originale e codificata ricetta dell’Accademia del Pizzocchero di Teglio, proporranno piatti della tradizione in versione sfiziosa. Nei menù, infati si troveranno gli sciatt, salumi locali, polenta taragna, manfrigole di grano saraceno, selvaggina, funghi, formaggi quali Bitto e Casera,  bisciola. Ad innaffiare il tutto i vini docg locali: Valgella, Infrno, Sassella, Grumelloo, Maroggia e Sforzato. Ulteriori info su www.saporidautunnoteglio.it

I Pizzoccheri della Valtellina diventano Igp

I Pizzoccheri della Valtellina diventano IGP: nella giornata di ieri, 24 maggio, infatti l’Unione Europea ha pubblicato sul proprio sito ufficiale la domanda di registrazione del prodotto a norma degli articoli del regolamnto del Parlamento e del Consiglio Europeo sui regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari.  D’ora in poi sui pacchetti dei pizzoccheri, ci saranno, oltre alla denominazione “Pizzoccheri della Valtellina, anche l’acronimo IGP ed il simbolo dell’UE.  Questa certficazione, è bene ricordarlo, riguarda solo i pizzoccheri prodotti nella provincia di Sondrio. Il disciplinare di produzione prevede, fra le altre cose, un impasto composto da almeno il 20% di farina di grano saraceno, in combinazione con altri sfarinati. L’iter burocratico per la richiesta del riconoscimento Igp per i Pizzoccheri della Valtellina era iniziato nel giugno dello scorso anno, con l’invio di una richiesta in tal senso del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali alla Commissione Europea. La risposta è arrivata ieri, a quasi un anno di distanza.

Pizzoccheri della Valtellina