Frittata alta – Come fare ?

Dopo la pausa estiva, torna la rubrica “Come fare ?”, ogni quindici giorni, di lundedì, qui sul blog. Oggi vi voglio dare alcuni facilissimi suggerimenti su come ottenere una frittata alta.
A me non piacciono quelle troppo sottili, e non voglio nemmeno utilizzare troppe uova.
Quindi, come fare ?
frittata alta
FRITTATA ALTA – COME FARE ?

E’ semplicissimo, basta usare i vecchi metodi della nonna. Uno di essi, suggerisce, ed io lo faccio con voi, di aggiungere un pizzico di bicarbonato mentre sbattete le uova. Basta poi attendere qualche minuto prima di mettere il tutto in padella, ed il gioco è fatto.
Se non avete il bicarbonato, provate ad usare il lievito istantaneo per torte salate: anche in questo caso, ne servirà un pizzico. E la frittata alta sarà prontissima

Se non avete nè bicarbonato nè lievito istantaneo, oppure non volete utilizzarli, non c’è problema. Separate gli albumi di tuorli Sbattete i tuoli con una forchetta e, a parte, montate gli albumi a neve, ma non troppo ferma, altrimenti non riuscirete ad incorporarli per bene. Aggiungeteli mescolando dall’alto verso il basso ai tuorli, e mettete in padella. Anche in questo caso la frittata alta è assicurata.

Patate pasticciate

Annoiati dai soliti contorni ? Questa volta vi propongo un’idea di base che poi potrete “ingolosire” a vostro piacimento. La ricetta è quella che ho chiamato “Le patate pasticciate”, e capirete poi il motivo. E’  facile, anche se non di velocissima esecuzione: vi sottolineo però che ne vale davvero al pena. Pronti a preparare le patate pasticciate ?

PATATE PASTICCIATE

patate pasticciateIngredienti:
450 gr di patate
2 uova
200 ml latte
parmigiano grattugiato 1b
sale e pepe qb
olio evo qb

Preparazione: sbucciare le patate e tagliarle a fette spesse 3 o 4 mm, mi raccomando non di più.
Metterle in una pentola con abbondante acqua, e portare ad ebollizione: dal momento in cui bollono, calcolare 10 minuti e scolarle. Prendere una pirofila, oliare il fondo e le pareti con olio evo. Disporre le patate a strati. In una ciotola sbattere le uova con sale e pepe, agigungervi il latte. Coprire le patate con questo liquido e spolverizzare la superifice con parmigiano grattuigiato a piacere. Infornare a 180° per almeno 20 minuti.  E le patate pasticciate sono pronte. Se volete “ingolosirle”, potete aggiungervi della pancetta saltata in padella, formaggio a piacere (mozzarella, provola, gorgonzola…). Insomma, date libero sfogo alla fantasia. Ma vi assicuro che anche così, “lisce” sono davvero molto gustose.

Tortine soffici alla pesca – senza glutine

Un giorno normale, voglia di un dolcetto veloce, visto che ancora si riesce ad accendere il forno senza fare la sauna. Sì, ma deve essere necessariamente senza glutine. Così, senza nemmeno usare la bilancia, ma con una metodologia decisamente empirica, in pochissimi minuti ho preparato queste

TORTINE SOFFICI ALLA PESCA – Senza Glutine
tortine soffici alla pesca
Ingredienti per 6 tortine:
2 uovo
4 cucchiai di zucchero
3 cucchiai di farina di riso *
100 gr ricotta fresca
1 bacca di vaniglia
1 grossa pesca

Preparazione:
In una ciotola montare un uovo e due cucchiai di zucchero. Aggiungervi la farina di riso e creare così un impasto. Aggiungere, se necessario un pochino di latte.  Versare in uno stampo di silicone
per sei mini-crostaine o tartellette l’impasto ottenuto. A parte, in un’altra ciotola, mescolare la ricotta con lo zucchero, l’uovo ed i semi ottenuti dalla bacca di vaniglia. Con un cucchiaio mettere la crema di ricotta al centro dell’impasto precedentemente inserito nelle fomine. Sbucciare e tagliare la pesca a tocchetti e sistemarli sulla superficie del dolce. In forno 20 minuti a 170°.
Far raffreddare le tortine soffici alla pesca su una gratella prima di servirle. Se non le mangiate subito, una volta fredde, conservare in frigorifero.

*verificare che la faraina di riso riporti la dicitura “senza glutine”, che sia presente nel prontuario Aic, o che riporti il simbolo della spiga barrata

Plumcake alle mandorle

Anche oggi vi propongo un dolcetto. Semplice, ma molto buono, friabile e, soprattutto, che si scioglie in bocca. Avevo delle mandorle in dispensa e mi sono inventata questa ricettina: un soffice plumcake alle mandorle. Cosa ne pensate ?

PLUMCAKE alle MANDORLE

Ingredienti:
200gr mandorle tritate
100gr zucchero
50gr fecola
50 gr farina
3 cucchiaio olio di semi di mais
1 cucchiaio miele di acacia
2 uova
mezza bustina lievito per dolci
mezzo bicchiere latte
plumcake alle mandorle
Preparazione: Tenere da parte quattro cucchiai di mandorle. Separare tuorli e albumi. Montare gli albumi a neve. A parte, sbattere con le fruste elettriche i tuorli con zucchero e miele. Aggiungere quindi olio e latte, e poco per volta, le mandorle tritate. Incorporare farina, fecola e lievito precedentemente setacciati. Infine, mescolando dall’alto verso il basso, aggiungere gli albumi.
Ricoprire di carta forno uno stampo da plumcake e versarvi l’impasto. Sulla superficie spolverizzare le mandorle tritate tenute da parte, e spargervi un cucchiaio di zucchero a velo. Far cuocere a 170° (forno statico) per 35 minuti.