Il carrello della spesa sempre più “tagliato”: indagine Coldiretti

I consumi alimentari degli italiani hanno fatto un passo indietro ai livelli minimi toccati all’inizio degli anni ’80. Complice la crisi, anche i carrelli della spesa hanno subito forti tagli nella loro composizione: è quanto afferma la Coldiretti. Quella alimentare, risulta infatti essere la seconda voce presente in un bilancio familiare, dopo le spese per la gestione della casa. fruits-au-supermarch-3-753602-m
Ecco che secondo le rilevazioni dello scorso anno, risulta una riduzione nell’acquisto di pesce (-20%), di pasta (-9%), di latte (-8%), frutta e verdura (-3%) e carne (-2%). L’unica voce positiva, con aumento del 2% è quella riguardante le uova.  Aumenta il fai-da-te anche in cucina: si spiega così, infatti l’aumento dell’acquisto di farina (+7%), miele (+12%) e preparati per dolci in genere (+6%). Aumenta anche chi predilige fare la spesa nei discount. Complessivamente la spesa alimentare delle famiglie italiane lo scorso anno, ha visto un taglio di oltre 15 miliardi rispetto al 2007.

INSALATA di CARNE ESTIVA

Con il supercaldo di questi giorni, voglia di cucinare e “produrre” altro calore, proprio non ce n’è. Così, aprendo il frigorifero e la dispensa, in pochi minuti si può ottenere un piatto saporito e rinfrescante. Io avevo da parte della carne bollita che volevo utilizzare per il vitello tonnato, ma, ho deciso di cambiare ricetta e di realizzare una bella

INSALATA di CARNE ESTIVA
Ingredienti (x 4 persone):
500 gr circa di carne di vitello precedentemente bollita
1 scatola di fagioli cannellini
cipolla qb
prezzemolo qb
sale e pepe qb
olio evo qb
aceto qb

Preparazione: tagliare a cubetti la carne e metterla in una terrina. Aprire la scatola di cannellini, sciaquarli sotto l’acqua corrente ed aggiungerli alla carne. Tritare circa due cucchiai di cipolla (o comunque in quantità a piacere). Tritare il prezzemolo ed aggiungerlo anch’esso alla carne ed ai fagioli. Condire con olio evo ed aceto (a me piace particolarmente). Tenere da parte in frigorifero per almeno un’ora prima di servire. All’ultimo momento, se servisse, “aggiustare” ancora il gusto con altro aceto.