Oggi è la Giornata Mondiale dell’Alimentazione

Si celebra oggi, 16 ottobre,  la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. Il tema scelto dalla Fao per l’edizione di quest’anno è “Agricoltura familiare: nutrire il mondo per preservare il pianeta”. L’obiettivo è quello di valorizzare l’agricoltura familiare ed i piccoli agricoltori, il cui ruolo è fondamentale per debellare fame e povertà, e contemporaneamente offrire sicurezza alimentare, gestire le risorse naturali, realizzare uno sviluppo sostenibile, specialmente nelle zone rurali. alimentazione 2
Anche l’Assemblea Generale dell’Onu ha deciso che il 2014 sarà l’ “Anno Inernazionale dell’Agricoltura familiare”.  La  prima Giornata Mondiale dell’Alimentazione si svolse nel 1981: la data del 16 ottobre non è stata scelta a caso: si vuole commemorare l’anniversario della FAO, fondata nel 1945 proprio in quel giorno.
In occasione di questa giornata, la Fao, ha reso noto il rapporto “The State of Food and Agriculture”: dallo stesso si evince come le aziende a conduzione familiare siano fondamentali per l’agricoltura mondiale. Si parla di oltre 500 milioni di aziende. Esse, inoltre, rappresentano il 98% delle proprietà agricole, ed il 56% della produzione agricola sul 56% dei terreni.   “L’agricoltura familiare preserva i prodotti alimentari tradizonali, contribuisce ad un’alimentazione equilibrata e difende, a livello mondiale, l’agrobiodiversità e l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali – si legge – La conoscenza approfondita della propria terra e la competenza nel gestire in modo sostenibile paesaggi agricoli diversi, permetono agli agricoltori familiari di migliorare molti servizi ecosistemici”.  Come fare, però, per sfruttare il potenziale di questo tipo di agricoltura per debellare la fame e garantire la sicurezza alimentare ? “E’ necessario un ambiente politico favorevole. Ciò significa un maggior riconoscimento dei molteplici contributi che apportano gli agricoltori familiari, e che gli stessi siano recepiti e si riflettano nelle politiche e nei dibattiti a livello nazionale”, prosegue il rapporto. “Sono numerosi i fattori chiave per uno sviluppo riuscito dell’agricoltura familiare, fra cui: condizioni agroecologiche e caratteristiche territoriali; accesso ai mercati; accesso allaalimentazione 1
terra e alle risorse naturali; accesso alla tecnologia e ai servizi di divulgazione; accesso ai finanziamenti; condizioni demografiche, economiche e socioculturali e istruzione specializzata accessibile. Al fine di realizzare cambiamenti tangibili e miglioramenti sostenibili
sono necessari interventi mirati di politica agricola, ambientale e sociale a sostegno degli agricoltori familiari”. Numerosi gli eventi in programma: alla sede Fao di Roma oltre alla cerimonia ufficiale, si svolge un evento congiunto fra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione ed il Comitato Sicurezza Alimentare, intitolato “Innovazione nell’agricoltura familiare: garantire nutrizione e sicurezza alimentare”.
Anche il Miur ha previsto attività didattiche e riflessioni nelle scuole sul tema.

Onu: una persona su nove soffre la fame

Secondo il rapporto Onu pubblicato alcuni giorni fa dal titolo “Lo Stato dell’insicurezza alimentare nel mondo”, una persona su nove sul nostro pianeta soffre la fame. Un totale di 805 milioni di persone.riso 2  Negli ultimi dieci anni il numero è diminuito (si parla di 100 milioni in meno nell’ultimo decennio),  ma sono ancora dati, questi,  che devono far riflettere.
Il rapporto è la summa di un lavoro congiunto fra le agenzie Onu di Roma: l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (Fao), il Fondo Internazionale per lo sviluppo agricolo (Ifad) ed il Programma Alimentare Mondiale (Pam).  Nel rapporto si dice che sinora sono stati 63 i paesi in via di sviluppo che hanno raggiunto l’obiettivo di sviluppo del millennio, che prevede di dimezzare la percentuale delle persone sottonutrite entro il prossimo anno. Altri sei paesi potrebbero raggiungere questo traguardo proprio nel 2015.
Un altro dato emerso da questo studio evidenzia come l’accesso delle popolazioni al cibo sia migliorato nei paesi in cui si è verificato un progresso economico globale, specialmente in Asia orientale e sud-orientale.  Miglioramenti sostanziali anche in America Latina ed Asia Meridionale, mentre più indietro sono l’Africa sub-sahariana, e l’Asia.
Il rapporto inoltre sottolinea che per sconfiggere la fame, è necessario creare un ambiente favorevole ed un approccio integrato che prevede investimenti sia pubblici che privati per aumentare la produttività del settore agricolo, accesso alla terra, ai servizi, alla tecnologia d al mercato.

Giornata mondiale dell’Alimentazione

Sono circa 842 milioni le persone che attualmente in tutto il mondo soffrono di malnutrizione cronica. Un bambino su quattro di età inferiore ai cinque anni è rachitico, mentre circa 2 miliardi di persone sono prive di vitamine e minerali importanti per stare in buona salute. A fare da contraltare, invece, 1,4 miliardi di persone sono sovrappeso. Sono dati impressionanti, diffusi in occasione dell’edizione 2013 della “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, evento promosso dalla FAO ogni anno il 16 ottobre. La giornata è stata istituita nel 1979 e sinora vi hanno partecipato 150 paesi.  Il tema scelto per l’edizione di quest’anno è  quello dei “Sistemi alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e per la nutrizione”. siccita_21176715
La malnutrizione è provocata da diverse cause: fra di esse l’ambiente economico, sociale, politico, culturale e fisico, Per questo, si legge nel materiale diffuso dalla Fao in questa occasione “per combattere la malnutrizione, occorre quindi un’azione integrata ed interventi complementari in agricoltura e nel sistema alimentare, nella gestione delle risorse naturali, nell’istruzione e nella sanità pubblica, nonchè in settori strategici più ampi”. La produzione di genere alimentari di base, nei prossimi decenni sovrà soddisfare la crescita prevista dalla domanda: per questo, la Fao sostiene che “le priorità dello sviluppo e della ricerca in agricoltura devono diventare più sensibili all’aspetto della nutrizione, con maggiore attenzione rivolta agli alimenti ricchi di nutrienti, quali frutta, verdura, legumi ed alimenti di origine animale”.Importante, secondo la Fao, anche la cosiddetta “biofortificazione”, ovverosia l’utilizzo di varietà con maggior contenuto di sostanze nutritive, oppure cercando di riscoprire specie di colture poco utilizzate.ragazzo-vietnam-di-lavoro-in-acqua_2415609
In questi giorni a Roma sono in programma numerosi eventi: fra di essi, si segnalano l’evento dal titolo “Quinoa” in occasione dell’anno internazionale della Quinoa, conferenze e seminari, la corsa “Hunger Run” di domenica, 20 ottobre, alle terme di Caracalla, e, martedì 22 ottobre, la mostra del concorso internazionale di manifesta organizzata dall’Associazione delle donne delle Nazioni Unite. In occasione della “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, inoltre, è stato annunciato che la Seconda Conferenza internazionale sulla Nutrizione si svolgerà a Roma dal 19 al 21 novembre del prossimo anno (2014)