Vent’anni di Ghemme Docg

Vent’anni di Ghemme Docg: questo traguardo verrà celebrato domani, 15 febbraio con un importante evento presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali a Roma.  La manifestazione è organizzata dalla Camera di Commercio e l’Agenzia Turistica Locale di Novara, in collaborazione con la Presidenza del Comitato Nazionale Vini e il Consorzio Tutela Nebbioli dell’Alto Piemonte.
Il riconoscimento al vino Ghemme della Docg venne certificata con un Decreto Ministeriale nel maggio 1997. Domani, saranno ripercorse le tappe prinipali che portarono dalla Doc, ottenuta nel 1969, alla Docg. Seguirà uno showooking dello chef Arcangelo Dandini, titolare del ristorante “L’Arcangelo”, mentre i presenti potranno degustare una selezione di vini Ghemme D.O.C.G. e di prodotti tipici novaresi.
“Il Food & Wine rappresenta uno dei pilastri della nostra economia nazionale e, non a caso, l’Italia è il Paese con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall’Unione Europea – commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara – Tra di essi si contano ben 523 vini, di cui 405 D.O.P.: è il Piemonte, in particolare, a guidare la classifica delle regioni italiane per quantità di vini a denominazione di origine, con 58 riconoscimenti. In questo panorama si inserisce anche il vino Ghemme, che se da un lato rappresenta indubbiamente un prodotto di nicchia in termini quantitativi – sottolinea Comoli – lo è anche dal punto di visto qualitativo, dal momento che rientra tra i 73 vini D.O.C.G. dell’intero territorio nazionale, a conferma di un riconoscimento distintivo tutt’altro che scontato e di particolare valore, di cui l’Ente camerale si era fatto a suo tempo promotore e che oggi conta già vent’anni di storia”. “L’enologia ha radici antiche nel territorio delle Colline Novaresi che inizia già in epoca romana, come testimonia Plinio il Vecchio nella sua “Naturalis Historia” – aggiunge Maria Rosa Fagnoni, presidente dell’Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara –  I vini che qui nascono esprimono tutta la passione derivante dalla memoria del passato e la ricerca di innovazione verso il futuro, e il Ghemme D.O.C.G. ne rappresenta uno degli esempi più riusciti”

Agenda golosa

Tanti, anche questo fine settimana, gli appuntamenti enogastronomici. Come sempre, ne segnaliamo alcuni.

– Laboratori, incontri, degustazioni, workshop, masterclass: sono le peculiarità di “Cibo a regola d’arte”, evento che si svolge in due tranche. La prima, da oggi (venerdì 14 marzo) a domenica 16; la seconda dal 21 al 23 marzo. La manifestazione, è ospitata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnoologia “Leonardo da Vinci” di Milano ed è proposta da “La Cucina del Corriere della Sera”. Per la prima settimana il top chef sarà Davide Oldani, per la seconda Carlo Cracco. Tutti i dettagli su www.ciboaregoladarte.it

– Obiettivo: la valorizzazione dei grandi vini del territorio e delle attrattive turistiche locali. Con questo scopo domenica 16 marzo, nella sede prestigiosa del Grand Hotel Regina Palace e Grand Hotel Des Isles Borromèes a Stresa, sul Lago Maggiore, si svogerà l’evento dal titolo “G&G e l’Alto Piemonte” (dove per “G&G” si intendono Gattinara e Ghemme). Organizzato dal Consorzio Tutela Nebbioli Alto Piemonte, in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier -delegazione del Vco e con il supporto della Camera di Commercio di Novara, l’evento proporrà alcune novità rispetto all’edizione precedente. Infatti, accanto ai produttori delle storiche denominazioni Gattinara e Ghemme, ci saanno anche i produttori degli otto DOC Boca, Bramaterra, Colline Novaresi, Coste della Sesia, Fara, Lessona, Sizzano e Valli Ossolane.G&G 2010 La manifestazione si aprirà alle 12.30 al Regina Palace Hotel: previste dgustazioni di vini con assaggi di prodotti tipici locali. Nel pomeriggio, alle 16, al Grand Hotel Des Isles Borromèes, il consigliere nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier Mauro Carosso, ed il giornalista  e degustatore Armando Castagno, condurranno una degustazione orizzontale dell’annata 2004 di Gattinara e Ghemme (su prenotazione a [email protected]).