Cibo: 9 italiani su 10 vogliono indicata l’origine

Nove italiani su 10 hanno deciso: vogliono avere sull’etichetta degli alimenti l’origine chiara e leggibile.  Questo il risultato della consultazione on-line promossa dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, alla quale hanno preso parte oltre 26.500 persone.

Partecipare era semplice: era sufficiente rispondere ad un breve questionario on-line relativo all’etichettatura dei prodotti agroalimentari, con riferimento alla tracciabilità dei prodotti, all’indicazione dell’origine ed alla trasparenza delle informazioni presenti sull’etichetta.
frutta e verduraDal sondaggio è emerso che oltre il 96% dei partecipanti ha sostenuto come sia importante che sull’etichetta sia chiaramente indicata l’origine degli alimenti e l’84% vuole anche l’indicazione del luogo di trasformazione degli stessi.
Otto italiani su dieci, inoltre, preferiscono cibi di origine italiana. Grande impotanza, inoltre, viene data al rispetto degli standard di sicurezza alimentare. Oltre l’80% dei partecipanti alla consultazione on-line ha inoltre affermato di essere disposto a spendere qualcosa in più pur di avere la certezza dell’origine di provenienza del cibo che arriva sulle proprie tavole.

Ma quali sono i prodotti per i quali si chiede maggiormente tutto questo ? Dal sondaggio è emerso questo: carne fresca e latte fresco, seguiti da yogurt e formaggi, verdura  e frutta pronta all’uso; salumi e insaccati; carne in scatola e riso.

I dati, come ha sottolineato il Ministro Maurizio Martina, saranno presentati a Bruxelles insieme a proposte per rendere ancora più efficaci le norme sull’obbligo di chiarezza delle etichette.