Lasagne alle verdure senza glutine

Oggi vi propongo un piatto decisamente elaborato, da preparare nel fine settimana, che in casa ho proposto più volte: le lasagne alle verdure senza glutine. Ovviamente, la scelta delle verdure da utilizzare è personale. Si tratta di una ricetta facilmente personalizzabile. Buon appetito !
lasagne alle verdure senza glutine
LASAGNE ALLE VERDURE SENZA GLUTINE

Ingredienti:
8 sfoglie di lasagna riccia senza glutine
2 zucchine
2 carote
60 gr piselli (vanno bene quelli surgelati)
8 pomodorini datterini
pesto qb
emmenthal qb
olio evo qb
sale qb

Per la besciamella:
500 ml di latte
30 gr di maizena
30 gr burro
sale qb
noce moscata qb

Preparazione: per preparare le lasagne alle verdure senza glutine, è necessario prima preparare le verdure. Mondare le zucchine e tagliarle a cubetti. Sbucciare le carote e farla a cubetti. Mettere queste verdure in una casseruola con un filo d’olio e stufarle per una decina di minuti a fuoco lento. Se il tutto dovesse risultare troppo asciutto, aggiungervi poca acqua.
A parte, sbollentare i piselli, e tagliare i pomodorini a tocchetti. Una volta pronta la verdura, prepariamo la besciamella. Fare il roux, inserendo in un pentolino il burro e la maizena, far dorare ed aggiungervi il latte caldo, continuando a mescolare con una frusta. Non bisogna farla troppo densa, poiché la sfoglia senza glutine assorbe maggiormente i liquidi e quindi necessita di una besciamella più “lenta”. Infine, sbollentare le sfoglie di lasagna e farle asciugare su un canovaccio pulito. Adesso, siamo pronti per assemblare le nostre lasagne alle verdure senza glutine. Sul fondo di una teglia mettere una cucchiaiata di besciamella e spargerla per bene. Prendere due sfoglie di lasagna e collocarle nella teglia. Versarvi un terzo del mix di verdure precedentemente preparato e qualche cucchiaiata di pesto a piacere, spolverizzare con l’emmenthal, coprire con un po’ di besciamella, e procedere così per altre tre volte, o sino a che non si finiranno tutti gli ingredienti. Infornare a 190° per 25′ minuti.

Consumi in calo per frutta e verdura

Gli italiani mangiano poca frutta e verdura: è quanto emerge dal dossier  “Frutta e verdura dai campi alla tavola nel 2014” diffuso da Coldiretti. Negli ultimi quindici anni, i consumi sono calati del 30%, mentre nell’ultimo anno è sceso al di sotto del chilo giornaliero per famiglia, come invece raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Secondo i dati presenti nel dossier, nei primi sei mesi di quest’anno, i consumi di frutta e verdura sono calati del 2% rispetto allo stesso periodo del 2013, quando, nei 12 mesi si era avuto un acquisto di poco meno di 8 milioni di tonnellate, di cui 4,2 milioni di frutta, e 3,6 milioni di verdura. small
Secondo il rapporto Istat/Cnel sul benessere in Italia, solo il 18,4% degli italiani ha consumato quotidianamente almeno quattro prozioni giornaliere fra frutta, verdura, e legumi freschi.

Il carrello della spesa sempre più “tagliato”: indagine Coldiretti

I consumi alimentari degli italiani hanno fatto un passo indietro ai livelli minimi toccati all’inizio degli anni ’80. Complice la crisi, anche i carrelli della spesa hanno subito forti tagli nella loro composizione: è quanto afferma la Coldiretti. Quella alimentare, risulta infatti essere la seconda voce presente in un bilancio familiare, dopo le spese per la gestione della casa. fruits-au-supermarch-3-753602-m
Ecco che secondo le rilevazioni dello scorso anno, risulta una riduzione nell’acquisto di pesce (-20%), di pasta (-9%), di latte (-8%), frutta e verdura (-3%) e carne (-2%). L’unica voce positiva, con aumento del 2% è quella riguardante le uova.  Aumenta il fai-da-te anche in cucina: si spiega così, infatti l’aumento dell’acquisto di farina (+7%), miele (+12%) e preparati per dolci in genere (+6%). Aumenta anche chi predilige fare la spesa nei discount. Complessivamente la spesa alimentare delle famiglie italiane lo scorso anno, ha visto un taglio di oltre 15 miliardi rispetto al 2007.